NUOVI BANDI 2018 MASTER E CORSI:

MASTER: LA DIAGNOSI NEUROPSICOLOGICA
NELL'ADULTO E NELL'ANZIANO

SCADENZA ISCRIZIONI 15 GENNAIO 2018 - SEDE DI TORINO
CLICCA QUI PER INFORMAZIONI ED ISCRIZIONI

Testi di Apprendimento di tre Liste di Parole
standardizazione italiana a cura di:
G.Novelli, C.Papagno, E.Capitani, M.Laiacona, S.F.Cappa, G.Vallar Tre test clinici di memoria a lungo termine. “Archivio di Psicologia, Neurologia e Psichiatria”, 47(2), 278-296 (1986)

Scopo: valutare la memoria anterograda in condizioni di apprendimento volontario semplice.

Modalità di somministrazione: l’esaminatore presenta verbalmente al soggetto la prima lista di 10 parole, al ritmo di una parola ogni due secondi. L’esaminatore spiega il test al paziente con queste parole: “Le leggerò tre liste di 10 parole ciascuna. Ripeterò ogni lista per 3 volte; al termine della terza lettura di ogni lista, la impegnerò in un compito molto semplice e poi lei dovrà ripetermi le 10 parole che le ho letto, nell’ordine che preferisce”. La lista viene presentata per tre volte consecutive; successivamente il paziente viene distratto per 35 secondi mediante un compito aritmetico semplice: aggiungere una cifra a numeri dall’1 al 15 presentati verbalmente dall’esaminatore. Sono concessi 75 secondi per la rievocazione delle parole, in ordine libero. La procedura viene ripetuta per ciascuna delle tre liste.

Punteggio: Si assegna un punto per ogni parola esatta ricordata. Il punteggio va quindi da 0 a 30 (prestazione perfetta).

Il punteggio grezzo può essere confrontato con i valori medi e relative deviazioni standard, suddivisi per fasce di età. In alternativa il punteggio grezzo può essere corretto per età e scolarità.

La media dei punteggi grezzi va da 18,49 (d.s. 4,05) nella fascia di età 20-29 anni, a 10,11 (d.s. 3,59) nella fascia di età oltre i 70 anni.