ATTIVAZIONE MASTERS ANNUALI DI II LIVELLO in:

"Diagnosi e Riabilitazione
Neuropsicologica
nell'Adulto e nell'Anziano"

I Masters intendono formare futuri professionisti nel campo della Neuropsicologia Clinica, fornendo competenze cliniche nell'ambito della diagnosi e riabilitazione neuropsicologica, secondo una metodica di organizzazione didattica e di insegnamento consolidata con successo nell'arco di dieci anni.

Sospetta Sindrome Extrapiramidale
VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA


SIG.RA  A. M.      aa 75             sesso:  F              scolarità: 13 aa
 
ANAMNESI:  la paziente, ricoverata presso il reparto di Neurologia con diagnosi di sospetta sindrome extrapiramidale, viene sottoposta ad una valutazione generale delle funzioni cognitive.
I sintomi al ricovero sono: bradicinesia, disturbi della deambulazione ed ipomimia.
In anamnesi ricovero per cardiopatia ischemica in cardiomiopatia dilatativo-ipocinetica; da circa un anno disturbi della deambulazione con frequenti cadute (in avanti), astenia arti inferiori, instabilità posturale, disturbo dell’eloquio, bradicinesia, difficoltà nei movimenti fini.
Dalla TAC cranio ed RMN encefalo non si rilevano lesioni focali, ma si evidenzia un’ atrofia corticale diffusa.

COLLOQUIO CLINICO:
la paziente si presenta vigile e collaborante, ben orientata nello spazio e moderatamente nel tempo; l’eloquio è poco fluente. Non si evidenziano  sintomi psichici di rilievo. La paziente riferisce disturbi della deambulazione, della stazione eretta, facile affaticabilità e disturbi nella produzione del linguaggio relativi all’ articolazione della parola con alcuni episodi di anomia. Non riferisce altri disturbi cognitivi.

Nella tabella seguente sono riportati i valori ottenuti dal paziente alla batteria di test somministrati, facendo riferimento ai punteggi grezzi, ai punteggi corretti per età e scolarità (PC) ed ai punteggi equivalenti (PE). Sono, inoltre, indicati i valori normativi di riferimento e l’esito dei test.

TEST ESEGUITI PUNTEGGIO NORMA ESITO
Funzionalità fisica
IADL. 7 7,4 (d.s. 1,25) Ai limiti della norma
ADL 5 6 Ai limiti della norma
Screening
MMSE 26 24 Norma
Attenzione
CLARIDGE 9 9 Norma
TEST MATRICI ATTENTIVE 51 P.C.= 52,75 P.E.= 4 41,59 (d.s. 9,61) Pienamente nella norma
Memoria
DIGIT SPAN diretto = 6 P.C. = 5,75 P.E.= 4 inverso= 4 diretto = 6 inverso = 5 Norma
REY MEMORY TEST MBT = 43 P.C.= 48,2 MLT = 8,1 P.C.= 10 MBT = 28,53 MLT = 4,69 Norma Norma
MEMORIA DI PROSA 14,2 P.C.= 13,95 P.E.= 4 11,43 (d.s. 4) Pienamente nella norma
Apprendimento
SUPRA-SPAN CIFRE 4 tentativi < 19 tentativi Norma
Percezione visiva
STREET’S TEST 7 P.C.= 6,75 P.E.= 3 5,40 (d.s. 2,66) Norma
TEST SILHOUETTE 4 6 Ai limiti della norma
TEST FIGURE SOVRAPPOSTE 9 9 Norma
Linguaggio
TOKEN TEST 33 P.C.= 32 P.E.= 3 31,31 (d.s. 3,48) Norma
FLUENZA VERBALE FONEMICA (Novelli et al.) 27 P.C.= 27 P.E.= 3 25,96 (d.s. 9,27) Norma
FLUENZA VERBALE SEMANTICA (Novelli et al.) 33 P.C.= 35 P.E.= 3 38,73 (d.s. 7,60) Norma
ESAME BREVE DEL LINGUAGGIO Linguag. colloqu. = 5 Denominazione = 20 Comprensione = 19 Riproduz. di parole = 20 Riproduz; di frasi = 5 Linguag. colloqu.= 5 Denominazione = 20 Comprensione = 25 Riproduz. parole = 20 Riproduz. frasi = 5 Norma Norma Ai limiti della norma Norma Norma
C.P.M. 27 P.C.= 27,8 18,96 Norma
Prassia
TEST APRASSIA BUCCO-FACCIALE 16 P.C. = 16,25 P.E. = 1 19,43 (d.s. 1,14) Ai limiti inferiori della norma
Ansia e Depressione
STAI (forma Y) Ansia di stato = 46 Ansia di tratto = 44 43,85 (d.s. 12,06) 43,25 (d.s. 9,85) Norma Norma


Conclusioni:
Si evidenzia una lieve perdita di autonomia nelle attività stumentali della vita quotidiana quali la capacità di fare acquisti, di svolgere lavori domestici pesanti, di utilizzare, se non accompagnata, mezzi di trasporto. Le attività di base della vita quotidiana sono, invece,  ben conservate fatta eccezione per incidenti occasionali di incontinenza.
Dalla valutazione neuropsicologica effettuata non si rileva deterioramento cognitivo. Le capacità prassiche bucco-facciali sono ai limiti della deficitarietà. La valutazione delle funzioni gnosiche andrebbe maggiormente approfondita in quanto si riscontra una buona prestazione al test delle figure sovrapposte, ma una prestazione bassa al test delle silhouette, entrambi atti alla valutazione dell’agnosia appercettiva.
La memoria verbale sia a breve che a lungo termine e la memoria di cifre risultano nella norma come la capacità di attenzione visiva selettiva. Sono nella norma anche tutte le altre funzioni cognitive esaminate: l’attenzione sostenuta uditivo-verbale, la capacità di apprendimento di cifre, la capacità di denominazione, di riproduzione e  comprensione del linguaggio, capacità di accesso al lessico sia di materiale verbale fonemico che semantico, e le capacità di astrazione ed intelligenza generale.
Non si rileva né ansia di stato né ansia di tratto che risulti statisticamente significativa, anche se emergono sentimenti quali mancanza di tranquillità, insoddisfazione, indecisione, tristezza, confusione, insicurezza, tensione e turbamento in relazione a pensieri relativi alle attuali preoccupazioni della paziente.

Dott.ssa  Claudia Iannotta
(Psicologa - Ipnologa - Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale -
Perfezionata in Neuropsicologia e Psicodiagnostica Forense)