NUOVI BANDI 2018 MASTER E CORSI:

MASTER: LA DIAGNOSI NEUROPSICOLOGICA
NELL'ADULTO E NELL'ANZIANO

SCADENZA ISCRIZIONI 15 GENNAIO 2018 - SEDE DI TORINO
CLICCA QUI PER INFORMAZIONI ED ISCRIZIONI

Riabilitazione dei disturbi dell'attenzione
Dott.ssa Claudia Iannotta
Centro di Psicologia e Neuropsicologia - Torino
_CLOAKING


Esistono diversi programmi di riabilitazione cognitiva dei disturbi dell’attenzione.
In genere, questi programmi sono strutturati in cicli di prove di difficoltà crescente che stimolano le capacità di attenzione sostenuta, selettiva e divisa.
Tra i programmi utilizzati ricordiamo i seguenti:

- Orientation Remedial Module, O.R.M. (Ben-Yishay et al., 1987).
E’ un programma di riabilitazione dei disturbi dell’attenzione, elaborato presso il New York University Medical Center, alla fine degli anni ’70. E’ stato creato per la riabilitazione cognitiva di pazienti con trauma cranico chiuso. E’ costituito da una serie di esercizi appositamente realizzati per stimolare i diversi tipi di processi attenzionali. L’ O.R.M. consta di 5 procedure costituite da prove di complessità e difficoltà crescente.

I PROVA (Attention Reaction Conditioner, ARC):
vengono misurati i tempi di reazione a diversi stimoli ambientali; viene fornito al soggetto un feedback della prova eseguita.

II PROVA (Zeroing Accuracy Conditioner, ZAC):
il soggetto deve determinare il tempo esatto di risposta utilizzando indizi ambientali ( movimento di un orologio) e cercando di ignorare gli stimoli distrattori.

III PROVA (Visual Discrimination Conditioner, VDC):
vengono presentati a sinistra dei numeri e a destra dei colori; il soggetto deve individuare alcune combinazioni numero-colore.

IV PROVA (Time Estimation, TE):
il paziente deve internalizzare una codifica temporale attraverso sistemi quali vocalizzi, silenzi, contare per riuscire a dare una stima della durata temporale.

V PROVA (Rhythm Synchrony Conditioner, RSC):
viene fatta sentire una sequenza di toni; il soggetto deve dare risposte della stessa durata della sequenza ed in fase con i toni presentati come stimolo.

- Attention Process Training, APT (Sohlberg e Mateer, 1986).
E’ un programma di riabilitazione dei disturbi dell’attenzione sostenuta, selettiva, alternata, divisa. Gli esercizi vengono eseguiti dal più semplice al più complesso e sono suddivisi in cicli; ogni ciclo prende in considerazione un aspetto specifico dell’attenzione. Il passaggio da un esercizio al successivo è determinato dalla soddisfazione di due criteri: il tempo di esecuzione del compito deve ridursi del 35%, l’accuratezza del compito deve essere pari all’85% (margine di errore=15%).

I CICLO (Attenzione sostenuta):
Modalità Visiva.
Compiti di cancellazione con difficoltà crescente; variano le dimensioni degli stimoli oppure il numero di attributi per individuare lo stimolo target (es. forme geometriche colorate, forme senza senso in bianco e nero, numeri, ecc…). Vengono calcolati il tempo di esecuzione, le omissioni ed i falsi allarmi.
Modalità Acustica.
Ascolto di cassette contenenti stimoli acustici tra loro simili; il soggetto deve individuare i seguenti stimoli target: numeri, lettere, parole che iniziano con la “B”, con la “St”, il numero 3 preceduto dal numero 8, una successione crescente di numeri, una successione decrescente di numeri, successione ascendente dei giorni della settimana, successione decrescente dei mesi dell’anno, successione decrescente di lettere dell’alfabeto, un numero che è pari al precedente più 3 o più 2, un item uguale al prodotto della moltiplicazione per 2 o per 3 del numero precedente meno 1. Vi è la versione “A” lenta e la versione “B” più veloce. Vengono calcolate le omissioni ed i falsi allarmi.

II CICLO (Attenzione selettiva):
Modalità Visiva.
Vengono somministrati gli stessi esrcizi di cancellazione utilizzati per l’attenzione sostenuta, ma viene introdotto un elemento di disturbo consistente in una copertina plastificata che viene sovrapposta sui fogli dei diversi esercizi. Le copertine o “schermo”, sono tre (A, B, C) e vanno dalla meno coprente alla più coprente. Vengono calcolati il tempo di esecuzione, le omissioni ed i falsi allarmi.
Modalità Acustica. Vengono utilizzati gli stessi stimoli acustici degli esercizi dell’attenzione sostenuta, ma viene introdotto un elemento di disturbo consistente in un sottofondo dove la stessa voce dei nastri di base viene usata per dare notizie sportive, di attualità o di politica. Vengono calcolati le omissioni ed i falsi allarmi.

III CICLO (Attenzione Alternata):
vengono utilizzati gli stessi esercizi di cancellazione già somministrati, ma questa volta il soggetto deve alternare le sue risposte tra due stimoli target sulla base del comando “cambia” impartito dall’esaminatore ogni 15 secondi. Gli esercizi consistono in compiti di cancellazione alternata di forme, di numeri, di numeri pari e dispari, addizionare o sottrare tra di loro coppie di numeri, selezionare lo stimolo in base al significato della parola o alla dimensione (es. “grande”, “piccolo”), selezionare lo stimolo in base al significato della parola o alla sua posizione (es. “alto”, “basso”).

IV CICLO (Attenzione Divisa):
vengono utilizzati gli esercizi precedenti di cancellazione e quelli di attenzione sostenuta uditiva; il soggetto deve svolgere contemporaneamente entrambi i compiti richiesti. Oltre a questi esercizi di compito doppio, è prevista una prova con le catre da gioco, in cui il soggetto deve selezionare le carte in base al seme e ad una lettera target contenuta nel nome della carta (es.le carte con i numeri due, tre, cinque, sei, sette, nove,regine, re devono essere capovolte se il target è la lettera “e”). Vengono calcolati il tempo di esecuzione e le omissioni.

Dott.ssa Claudia Iannotta - Psicologa
Ordine degli Psicologi del Piemonte nr.2809
Centro di Psicologia e Neuropsicologia
Via Borgone, 57 - 10139 Torino
Tel. 011.19502711 Fax 011.19790175
e-mail: _CLOAKING