NUOVI BANDI 2018 MASTER E CORSI:

MASTER: LA DIAGNOSI NEUROPSICOLOGICA
NELL'ADULTO E NELL'ANZIANO

SCADENZA ISCRIZIONI 15 GENNAIO 2018 - SEDE DI TORINO
CLICCA QUI PER INFORMAZIONI ED ISCRIZIONI

Insonnia da assunzione di cibo/bevande (night-eating syndrome)
E' un disturbo del sonno caratterizzato da una "triade" sintomatologica: iperfagia notturna, insonnia e anoressia mattutina.

Nei soggetti affetti da questa sindrome il bisogno compulsivo di assunzione di cibo o di bevande durante la notte determina il risveglio, una successiva attività gastrointestinale o un bisogno di urinare. Queste conseguenze sono le determinanti dell'alterazione del quadro ipnico e della quantità totale di sonno. Il risveglio non sembra presentare differenze di probabilità apprezzabili tra le varie fasi del sonno.

Trattamento.

Il principale approccio al disturbo è di tipo comportamentale mirando, da una parte, a ridurre progressivamente la quantità di cibo/bevande assunti durante il risveglio notturno, dall'altra ad allungare progressivamente l'intervallo tra il momento del risveglio e quello dell'ingestione del cibo/bevande.

Da un punto di vista farmacologico si utilizza la d-fenfluramina che mostra una soddisfacente efficacia durante il periodo di assunzione.