CORSO Teorico-Pratico di Alta Formazione:

La Testistica per la Diagnosi Neuropsicologica

Settembre 2014 - POSTI DISPONIBILI

Disturbi dell'Attenzione
Dott.ssa Claudia Iannotta
Centro di Psicologia e Neuropsicologia - Torino
_CLOAKING


L’attenzione
è quella funzione che permette all’individuo di filtrare ed elaborare le informazioni o input provenienti dall’ambiente esterno per poter fornire un output di risposta ad esse adeguato.

Esistono diversi tipi di attenzione:
  • selettiva
  • sostenuta
  • divisa.

  • Eziologia: la causa più comune alla base dei disturbi dell’attenzione è il trauma cranico, ma anche i danni cerebrovascolari e le patologie cerebrali quali il Morbo di Parkinson, la demenza di Alzheimer e la sclerosi multipla, sono cause frequenti di deficit attentivi. Anche in presenza di infezioni del sistema nervoso centrale, di abuso di sostanze o esposizione a sostanze tossiche possono rilevarsi disturbi dell’attenzione.

    I disturbi attentivi possono essere suddivisi in tre grosse categorie, in base alla specifica capacità attentiva che diviene deficitaria.

    1 – DISTURBO DELL’ATTENZIONE SOSTENUTA

    L’attenzione sostenuta è la capacità di mantenere l’attenzione su stimoli target per un protratto periodo di tempo.
    Gli stimoli target possono essere stimoli visuo-spaziali e uditivo-verbali.

    SEDE DI LESIONI:
    prevalentemente a carico dell’emisfero destro, che appare più abile, rispetto al sinistro, nel protrarre l’attenzione per lungo tempo (Dimond, 1980); corteccia prefrontale e parietale posteriore, lobo temporale.

    2 – DISTURBO DELL’ATTENZIONE SELETTIVA

    L’attenzione selettiva è la capacità che permette di concentrarci su uno o più stimoli target selezionandoli tra altri stimoli distrattori o tra informazioni in competizione tra loro.
    Gli stimoli target possono essere stimoli visuo-spaziali e uditivo-verbali.

    SEDE DI LESIONI: lobo frontale sinistro, asse tronco-talamo-frontale. Nei casi di deficit di attenzione selettiva spaziale (neglet), le lesioni sono prevalentemente a carico del lobo parietale destro.

    3 – DISTURBO DELL’ATTENZIONE DIVISA
    L’attenzione divisa è la capacità  di prestare attenzione ed elaborare diverse informazioni che si presentano contemporaneamente.

    SEDE DI LESIONI: prevalentemente diffuse, con una maggiore estensione a carico dell’emisfero destro; lesioni del corpo calloso, del lobo frontale e parietale.

    Bibliografia

    A. Stringer. Guida alla diagnosi neuropsicologica nell’adulto. Edra, 1988.
    Ladavas, Berti. Neuropsicologia cognitiva. Il Mulino, 1995, Bologna.
    Dimond SJ. Neuropsychology. Butterworth, 1980, London.

    Dott.ssa  Claudia Iannotta
    (Psicologa - Ipnologa - Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale -
    Perfezionata in Neuropsicologia e Psicodiagnostica Forense)