NUOVI BANDI 2018 MASTER E CORSI:

MASTER: LA DIAGNOSI NEUROPSICOLOGICA
NELL'ADULTO E NELL'ANZIANO

SCADENZA ISCRIZIONI 15 GENNAIO 2018 - SEDE DI TORINO
CLICCA QUI PER INFORMAZIONI ED ISCRIZIONI

Minnesota Multiphasic Personality Inventory o M.M.P.I.
(Hathaway e McKinley, 1940 in Mosticoni e Chiari, 1993).

E’ il questionario di personalità più comunemente usato. L’inventario consta di 500 affermazioni che il soggetto viene invitato a classificare in una delle tre seguenti categorie: vero, falso, non so. Nella forma individuale del test, le affermazioni sono stampate su cartoncini distinti, che il soggetto raccoglie nei tre gruppi. Successivamente venne elaborata una forma per la somministrazione collettiva, nella quale le affermazioni sono stampate in un opuscoletto e le risposte vengono annotate dal soggetto su un apposito modulo per le risposte.
Le prove dell’MMPI coprono un’ampia gamma dal punto di vista del contenuto, poichè includono aree come le seguenti: condizioni di salute, sintomi psicosomatici; disturbi neurologici e disturbi motori; atteggiamenti sessuali, religiosi, politici e sociali; problemi relativi alla professione, l’istruzione, la famiglia e il matrimonio; molte ben note manifestazioni del comportamento nevrotico o psicotico, come stati ossessivi e compulsivi, idee deliranti, allucinazioni, idee di riferimento, fobie, tendenze sadiche e masochistiche, e così via. Normalmente l’MMPI permette di ricavare dei punteggi rispetto alle dieci “scale cliniche” che sono le seguenti:
  • 1. HS: Ipocondria
  • 2. D: Depressione
  • 3. HY: Isterismo
  • 4. Pd: Deviazione psicopatica
  • 5. Mf: Mascolinità-femminilità
  • 6. Pa: Paranoia
  • 7. Pt: Psicastenia
  • 8. Sc: Schizofrenia
  • 9. Ma: Ipomania
  • 10. Si: Introversione